sabato 12 febbraio 2011

La prenotazione NO!

Venerdì 11 febbraio viene una signora in libreria e mi chiede un libro che non ho. Le dico che posso ordinarlo ma lei non vuole fare una prenotazione nominale perché dice che se lo trova in giro lo compra. Io le dico che ne metto comunque una copia in ordine per la libreria e che, se non lo trova in giro, potrà trovarlo da noi dopo tre o quattro giorni.
Oggi, sabato 12 febbraio, torna e…
“Buongiorno.”
“Buongiorno. Si ricorda di me? Sono venuta ieri e le ho ordinato un libro.”
“Sì signora mi ricordo di lei. Ma non ha ordinato il libro, l’ho ordinato per la libreria.”
“No, no, no l’ha ordinato a mio nome.”
“Signora quando facciamo una prenotazione chiediamo nome, cognome, un numero di telefono per avvertire dell’arrivo del testo e un acconto.”
“No, no, no lei mi ha fatto una prenotazione, eh!”
“Bene, posso vedere il foglio della prenotazione signora?”
“Ah non mi ha mica dato niente.”
“Signora ieri le ho chiesto se voleva ordinare il libro e lei mi ha risposto che lo cercava in giro. Io ne ho messa una copia in ordine per la libreria ma non le ho fatto una prenotazione nominale. Però se vuole la possiamo fare ora.”
“Ah no eh?! Lei ha già ordinato il libro.”
“Sì signora ma non a suo nome. Vuole fare la prenotazione?”
“No, no. Se mi può dare il libro per favore.”
La guardo senza dire niente, conto, come mio solito, sino a dieci poi cerco di fare il sorriso più gentile che mi riesce.
“Signora il libro l’ho ordinato ieri, in libreria non ce l’ho ancora.”
“Mi ha detto che arrivava in qualche ora.”
“No, signora, le ho detto che lo avrebbe trovato settimana prossima. Mi servono almeno tre o quattro giorni per procurarlo.”
“Guardi lei mi ha detto che lo aveva in due o tre ore.”
“Ho parlato di giorni signora.”
“Allora mi sono inventata tutto?”
“Signora probabilmente non mi sono spiegato bene, le chiedo scusa. Comunque il libro non arriverà prima di mercoledì prossimo.”
“No, no mi serve subito!”
Aspetti chiamo un attimo il responsabile del magazzino libri a Milano, gli chiedo di aprire di sabato poi prendo il primo freccia rossa per Milano e le vado a prendere il libro. Dovrei averlo, vediamo un po’…. Fra due o tre GIORNI!

4 commenti:

  1. vedo se riesco ad ingaggiare due o tre clienti normali e te li mando...

    RispondiElimina
  2. Per te tutto questo un incubo, ma leggere questo episodio è esilarante....
    Ma gente normale qualche volta entra in libreria???? :-)

    RispondiElimina
  3. Come al solito, divertentissimo

    RispondiElimina
  4. Sì, sì sto raccontando solo casi limite, alcuni di questi casi (non questo ovviamente) mi sono accaduti nell'arco di diversi anni ma li ricordo sempre con un sorriso ;)

    RispondiElimina