venerdì 15 aprile 2011

Ma no, non è il mio stile!

No, belli, no!
Ma per chi mi avete preso? Per uno di quegli autori emergenti che utilizza il proprio blog per far pubblicità al suo libro che è uscito ieri e che si intitola: Confessioni di un ragazzo perbene?
Eh? Mica le faccio io queste cose. Mica vi dico che è edito da Luciana Tufani Editrice e che è distribuito, a livello nazionale, da Mursia!
Sarei davvero un pessimo libraio! Pessimo!
Come dite? La copertina? Stai a vedere che adesso metto la copertina del mio libro sul blog.
Sarebbe davvero di cattivo gusto.
Come quale copertina?
Ma questa naturalmente:
No, ve l'ho detto, non sono uno di quegli autori che stressa tutti parlando solo del proprio libro e di quanto simpatico e divertente sia e di come la trama sia intrigante e di quanto i personaggi siano ben caratterizzati. Sarebbe davvero egocentrico da parte mia. Ma figuriamoci se adesso mi metto a fare autopromozione al mio libro. Non è da me, chi mi conosce lo sa che sono un ragazzo timido e riservato. Chiedetelo alle mie colleghe e ai miei colleghi che, fra le altre cose, sono simpaticissimi e so che faranno una gran promozione al libro!

SCENA IN MAGAZZINO

Io: “È arrivato il mio libro?”
Magazziniere: “No.”
Io: “È arrivato il mio libro?”
M: “No.”
Io: “È arrivato il mio libro?”
M: “No!”
Io: “È arrivato il mio libro?”
M: “NOOOOOO!”
Io: “È arrivato il mio libro?”
M:

Ok, è arrivato!

2 commenti:

  1. Indubbiamente tu non sei uno di quelli... pensa se adesso anch'io mi mettessi a dire che è un libro che si legge in un giorno per quanto è fluido e divertente; che è un libro che ti prende e ti fa ridere per certe situazioni e ti permette di avere in mente chiaramente le scene descritte, no non potrei... non potrei? E perché? Infondo se Manuele Filiberto è andato fino in Honduras per fare la pubblicità al suo libro, perché io non posso dire che il tuo romanzo merita di essere letto perché diverte chi lo legge dall'inizio alla fine, lasciando anche qualche spunto di riflessione?

    RispondiElimina
  2. Eh eh eh Francesco, grazie caro.

    RispondiElimina