sabato 23 aprile 2011

Pasqua rosso sangue

Certi clienti non sanno proprio i rischi che corrono.
Mi si avvicina un ragazzo e mi guarda con sufficienza, anche il suo tono di voce è piuttosto acido.
“Scusa c'è un settore di storia che tratti solo testi storiografici?”
“Nella saletta.”
“Sì ho guardato ma è tutto molto in disordine e i testi sono tutti mescolati, non si capisce niente.”
Una cosa che dovete sapere di me è che sono ossessivo compulsivo, fissato con la pulizia e l'ordine tanto che litigo spesso con il mio compagno perché non allinea mai gli asciugamani e passo l'aspirapolvere piccolo sulla mia gatta. Ora, sentirmi dire che il mio settore di storia, che è allineato al millimetro e che è suddiviso, con tanto di segnalazioni, per periodo storico, mi fa l'effetto licantropo.
Mi crescono le unghie e i denti, il pelo no perché correrei subito a farmi una ceretta, ma l'istinto assassino, quello si, prende il sopravvento.
Mi passo la lingua sulle labbra, una cliente che ha intravisto, nei miei occhi, la scintilla omicida si allontana.
“Disordine?”
Chiedo conficcando le unghie nel legno della mia postazione.
“Sì.”
“No guarda il settore è suddiviso per periodo storico, all'interno del periodo storico per casa editrice e, all'interno della casa editrice, per autore. Probabilmente hai sbagliato a cercare, che titolo ti serviva?”
Lui mi guarda male.
“Teorie dei media di Boni.”
“E lo cercavi in storia?”
“Perché dov'è?”
“Settore mass media, sociologia.”
“Secondo me dovresti rivedere la collocazione.”
Secondo me dovresti allontanarti con molta cautela, salire le scale e uscire dalla libreria prima che trasformi la tua Pasqua in un film dell'orrore.

1 commento: