venerdì 20 maggio 2011

Scusi... per la Feltrinelli?

Si avvicina una signora.
“Scusi... questa è la Feltrinelli?”
“No signora, noi siamo un'altra catena.”
“Ah... e mi può dire dove trovo la Feltrinelli? Sa dovrei comprare dei libri.”
Mi inumidisco le labbra e cerco di sorridere.
“Signora, come vede, anche noi vendiamo libri. Se mi da i titoli posso controllare se li ho.”
“Mi hanno detto che li hanno solo alla Feltrinelli.”
“I titoli?”
L'idea di incompletezza di Salvatore Veca e La banalità del male di Hannah Arendt”
“Signora sono titoli pubblicati dalla casa editrice Feltrinelli... però sono distribuiti in tutte le librerie. Se li vuole io li ho.”
“Ma guardi mi hanno detto di comprarli alla Feltrinelli....”
“Come preferisce.”
“Può dirmi dove la trovo?”
Allora quando esce dalla libreria va a destra, la prima strada a sinistra, poi di nuovo a destra, poi dritta per 56 km, possibilmente di corsa e scalza, poi fa sei volte il giro della rotonda e si ferma al semaforo a guardare il verde diventare prima giallo e poi rosso.

3 commenti:

  1. Ahahahahahah! Ci vuole pazienza, no? ;-)

    RispondiElimina
  2. E poi, sempre dritta, seconda stella a destra e poi via... fino affan...ehm...al mattino V_V

    RispondiElimina