domenica 3 luglio 2011

Varie ed eventuali

Una cliente in cassa dal collega Totoro:
“Scusa, puoi mettermi da parte questo libro?”
“Certo, mi serve il suo cognome e il numero di telefono.”
“Ok, però scrivilo con questo pennarello che devo acquistare!”
E gli consegna il pennarello.
Certe persone devono aver avuto davvero un'infanzia difficile...

Alla collega Bettina tacchina:
“Ciao mi serve il libro Così parlò Balaustra...”

“Vengo dall'altro negozio, pioveva dentro... mi guardi, sono tutta bagnata.”

“Volevo qualcosa per la lingua latina...”
“Vanno bene delle versioni con traduzione in italiano?”
“No, pensavo più a un dizionario di spagnolo...”

“Ma lei ci crede all'aldilà?”
“Francamente, signore, non so neppure se credere all'aldiqua!”

“Scusi, sto cercando un libro, qualcosa che mi apra la mente!”
Mai provato con una craniotomia?

Bene il vostro libraio preferito (sono io è inutile che vi guardate intorno) spera di finire sano di mente questa orrida domenica di lavoro forzato in libreria e di poter cominciare le sue meritatissime ferie.
Ci risentiamo e riscriviamo fra due settimane.
Nel frattempo auguro a tutt* voi ottime letture estive.
Marino Buzzi

Nessun commento:

Posta un commento