martedì 9 agosto 2011

Vuole che me ne vada?


Vedo una cliente abituale scendere le scale. È una signora con cui ho discusso amabilmente molte volte su vari argomenti (il che è già un evento eccezionale perché io non parlo quasi mai con i clienti di cose diverse dai libri).
“Buongiorno!”
Le dico raggiante e lei, sottovoce, forse pensando che non la sentissi:
“Ancora qua è questo?”
Rimango perplesso.
“Come scusi?”
“Ehm... ma lei non va in ferie?”
Ma che te sto antipatico?

4 commenti:

  1. Ma come, al nostro libraio preferito?! Secondo me l'unica spiegazione è che la signora è in realtà la zia dei due ragazzetti a cui l'altra volta hai detto di essere gay XD Non è che lo puoi dire pure a lei XD

    RispondiElimina
  2. O forse lo ha detto ironicamente... Per la miseria, anch'io a volte vengo presa troppo sul serio e la gente ci rimane male. È che a volte ho la faccia seria anche quando scherzo! Non ci rimanere male!

    RispondiElimina
  3. Sono sicura che si riferiva a un libro sullo scaffale! Magari potresti proporle quello di ricette dell'altro giorno...vista la lampante simpatia!

    RispondiElimina
  4. :) no dai non ci sono rimasto male è che la cosa mi sembrava divertente. In ogni caso farò attenzione a togliere tutti i bollini sconto sui libri che acquisterà (così impara!) ;)

    RispondiElimina