martedì 6 dicembre 2011

Interno di libreria

Beethoven, Moonlight sonata in sottofondo, scena al rallentatore (tipo inizio di Melancholia ).
Mi muovo fra la gente che affolla la libreria, sguardi spaesati e folli per gli acquisti natalizi, bambini aggrappati a giochi che genitori non vogliono comprare, mi faccio spazio fra la folla avvicinandomi alla collega Pazienza finita che mi guarda in uno stato di apparente narcolessia, lo sguardo perso nel nulla, la copertina di un libro che ci hanno appena rubato fra le mani.
“Hai della cioccolata?”
Chiedo con una voce che pare uscita direttamente da un incubo di David Lynch.
“No...”
Risponde lei in trance.
“Mi sono maledetta per questo. Avrei dovuto pensare alle scorte. Mi sono maledetta!”
Cammino come se stessi affondando in sabbie mobili, raggiungo la collega Memoria di ferro in magazzino, lo sguardo vacuo, i capelli irti, è sommersa da scatole di resa.
“Hai della cioccolata?”
Chiedo. La sua voce gutturale mi inquieta:
“No, abbiamo finito le scorte. Maledetto sia chi ha mangiato l'ultimo cioccolatino.”
Esco, disperato, in sala. Vedo, da lontano, un bambino felice con un sacchettino di cioccolatini in mano.
Lo so è orribile.
Ma è questione di sopravvivenza!
Il mio tesssssoro!

11 commenti:

  1. io comprendo il tuo dolore e lo condivido, anche. è un mondo difficile, che probabilmente non ci merita. ma noi teniamo duro.
    Certo però non trovare neanche un pò di cioccolata, mi sembra davvero troppo!
    forse potremmo fare una class action, tipo quelle che si fanno in america contro i colossi delle sigarette, o delle bevande gassate.
    la chiameremo "no rudeness c.a." e ci faremo pagare un cent di € per ogni volta che qualcuno ci ha maleducatamente trattato male! che ne pensi?

    RispondiElimina
  2. Un cioccolatino equivale a 10 minuti di pace dei sensi...hai calcolato quanti te ne servono per arrivare fino a Natale?!?!? Quanti pargoli dovrai salvare dall'obesità? Quante vecchiette dovrai tramortire per rubare la scorta in borsetta riservata ai nipotini? Se passa Andrew Howe vedi se divide con te un Kinder Bueno...

    RispondiElimina
  3. Le vecchiette lasciale perdere: in genere conservano per anni quelle praline 'cri-cri' con la sorpresina strisciante all'interno...se passa Andrew Howe disorientalo dicendogli che invece di mangiare sempre cioccolato dovrebbe pensare ad allenarsi (ma sbrigati ad afferrare il K.B. perché ci sta sempre quella biondina scroccona in agguato). Se proprio non ce la fai pare abbiano appena inventato i cerotti alla Nutella, per chi è ormai assuefatto...

    RispondiElimina
  4. No, scusate, ma se passa Andrew Howe la cioccolata diventa l'ultimo dei miei pensieri ;)

    RispondiElimina
  5. Fabrizio l'apriscatole6 dicembre 2011 12:18

    quando c'ero io c'era sempre della cioccolata!

    RispondiElimina
  6. Non è orribile, il tuo è un gesto altruista. Pensa alla diabete infantile, sei un uomo di cuore!
    p.s. e tra Andrew Howe e Superman che riporta indietro il tempo (pensavo di essere il solo a ricordare quel film XD) chi scegli? O li prendi tutti e due? :P

    RispondiElimina
  7. Il triangolo no... non lo avevo consideratoooooo!

    RispondiElimina
  8. Eh, farai il quadrilatero allora!

    RispondiElimina
  9. pardon: il diabete infantile.

    RispondiElimina