martedì 10 aprile 2012

Sacher o Sacer?

Succede a: LA COLLEGA FEMMINISTA.

Si avvicina un cliente.
“Scusi ha Homo Sacher di Giorgio Agamben.”
“Homo Sacer?”
“No, no Homo Sacher!”

Trama del libro:
Homo Sacher, figlio di Nanni Moretti, nasce con una enorme voglia a forma di torta Sacher sulla fronte. Da qui il dramma esistenziale di un uomo che odia le torte al cioccolato. Un intenso trattato filosofico sull'odio, l'amore, il disgusto per la torta Sacher scritto da uno dei maggiori Chef Patissier viventi: Giorgio Agamben (Ribattezzato il Sacherologo per la profonda conoscenza spirituale delle torte Sacher).

5 commenti:

  1. Adoro la torta Sacher...
    Ma tutti i Trota della galassia passano da voi?

    RispondiElimina
  2. Voleva semplicemente coronare il sogno di una vita, un libro che avesse in allegato anche una fetta di dolce in modo da renderlo una lettura da merenda.

    RispondiElimina
  3. Ho cominciato a ridere prima ancora di leggere la trama :D

    RispondiElimina
  4. Non per fare la saccente, ma la pronuncia corretta della lettera C in latino è dura, come in CHE, e non dolce, come in CE.
    Lore.

    RispondiElimina