mercoledì 27 giugno 2012

L'alfabeto del libraio: B


Bambini
In origine erano locuste.


Barbari
I ragazzini (ma non solo) che scendono correndo le scale per arrivare per primi al banco della scolastica e non fare la fila. Corrono, si spingono, si voltano per assicurarsi di essere i primi.

Baricco
Di solito faccio seguire questo nome da un punto di domanda. La mia rimane una considerazione estremamente personale, non capisco non dico il successo, ma l'attenzione dei media nei confronti di questo scrittore. Sicuramente un grande venditore di se stesso. Ma anche una perfetta espressione dei tempi che corrono. Tristissimi.

Bassani
Uno degli scrittori più coraggiosi, intensi e struggenti che mi sia mai capitato di leggere.

Baudelaire
“Scusa ce l'hai quello scrittore... come si chiama? Dai, quello maledetto che si faceva di assenzio?”

Best seller
Correte a comprarlo. Non vorrete mica farvi mancare l'argomento di discussione sotto l'ombrellone, vero? (almeno prima di passare a: "Io la caponata la faccio con...." e a "Mio marito è uno che ci tiene alla famiglia..." e a: "Uh sapesse signora, mio figlio è un vero genio quest anno lo hanno rimandato solo in tre materie..." e prima di: "Ma quella Belen che prima fa vedere la farfalla e poi ruba il fidanzato a quella Emma...")

Bibbia
Il più grande fantasy della storia della letteratura.

Bologna
Ci sono arrivato con l'immagine di una città rivoluzionaria, creativa, aperta. Me ne torno a casa ogni sera con l'immagine di una città bigotta, chiusa, terribilmente borghese e conformista.

Brosio
Sono finito all'inferno e nessuno me lo ha detto?

Buongiorno/buonasera
Provate a ripeterlo mille volte . Poi ne riparliamo.

Buonumore
Solitamente la mattina, appena sveglio, mentre faccio le coccole alla mia gattona, poi mentre mi preparo il caffè e guardo fuori dalla finestra. Comincia a svanire quando arrivo in stazione, non se ne trova più traccia dopo l'ennesimo: “Mi fa un po' di sconto?”


5 commenti:

  1. La tua gattona c'è anche al ritorno: buonumore garantito anche a fine giornata(e te lo dice una che non ha mai vissuto un solo giorno senza gatto)

    RispondiElimina
  2. Ieri ero in una libreria. Volevo acquistare un libro ma non mi ricordavo il titolo né l'autrice (per la cronaca era Omero gatto nero di Gwen Cooper) Mi rammentavo solo il nome Omero e che in copertina c'era solo un gatto nero. Sono stata fortemente tentata di andare dal librario a chiedere: "scusi, ce l'ha quel libro che nel titolo ha Omero e sulla copertina c'è un gatto nero?" ma sapervo già in partenza che era un'idiozia. Però ti ho pensato e ho pensato che qualche "genio" lo avrebbe chiesto davvero. :D
    Devo cominciare a girare con la lista dei libri che vorrei comprare....

    RispondiElimina
  3. Baricco - Buongiorno/buonasera - Buonumore che scema per la richiesta di sconto.

    Ti sono davvero vicino.

    RispondiElimina
  4. "Bibbia
    Il più grande fantasy della storia della letteratura."

    Sei la prima persona che incontro che ha il mio stesso parere su questo argomento. Ti adoro ogni intervento in più!

    RispondiElimina
  5. Ma è una sciocchezza e parecchio blasfema. Ci sono almeno tre o quattro fantasy di molto superiori alla bibbia, che alla fine è solo un'antologia di cazzate che giravano un millennio fa...

    RispondiElimina