venerdì 22 giugno 2012

Terrore in libreria


Due ragazzini passando dietro la mia postazione, sottovoce per non farsi sentire:
“Quello al computer sembra gay.”
Io, senza voltarmi e continuando a inserire gli ordini:
“Non lo sembro, lo sono!”
Attimo di smarrimento dei due ragazzini e poi corsa su per le scale.
Mamma mia che spavento, un gay al computer!

15 commenti:

  1. Secondo me stavano esercitando il gaydar.

    RispondiElimina
  2. Pericolosi sti gay....ma dai!!!! e poi cosa vuol dire "Sembra gay"? Indossi un cartellino di riconoscimento? =)

    RispondiElimina
  3. Stiamo ancora a questi livelli! Santi numi!

    RispondiElimina
  4. Ahahahah 'ellini però eh? Fanno quasi tenerezza

    RispondiElimina
  5. avranno pensato che sei anche bionico! :)

    RispondiElimina
  6. Comunque, va bene fare battute, però per me questi atteggiamenti sono abbastanza logoranti.

    RispondiElimina
  7. Io stesso ho riso, dopo, del tono con cui li ho ripresi. Quasi annoiato direi. hai ragione Chagall è logorante basta andare in un bar a bere un caffé per poter ascoltare battute "fra uomini" voglio contare quante volte sento la parola "frocio" pronunciata durante il giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa peggiore, almeno secondo la mia impressione, è che dietro questi commenti mi pare di percepire molto spesso una grande dose di cattiveria, di rabbia.
      Capisco che ci sia paura, visto che nessuno parla di omosessualità (ricordo le lezioni di religione a scuola con l'insegnante che diceva tranquillamente "L'omosessualità è un egoismo").
      Ma la cattiveria, la rabbia, da dove vengono?
      Non so tu... ma ci sono delle giornate in cui uno non ce la fa proprio più.

      Elimina
  8. Una virtuale stretta di mano!! :-)
    In ogni caso, continuo a credere che quel che fa più paura in assoluto sia la libertà...le anime libere sono davvero pericolose!!

    RispondiElimina
  9. Primo: tutta la mia solidarietà ai gay, perchè la discriminazione esiste.
    Secondo: nel caso specifico, sarei più portato a sorridere. Perchè imho i ragazzini si sono spaventati più del fatto che li hai sentiti e gli hai risposto, che altro. Quindi non "oddio c'è un gay al computer" ma piuttosto "oddio ci ha sentiti".
    Lo stesso sarebbe accaduto (imho, e spero di non avere troppa fiducia nel genere umano) se avessero sussurrato "quello al computer sembra mancino".

    PS: conosci quella vecchia storia sul razzismo? bambino: "mamma, oggi ho conosciuto un bimbo nuovo" mamma: "ah, bene, ma era bianco o nero?" bimbo: "non lo so, non ho guardato" conclusione: "domani guarderò"

    RispondiElimina
  10. ti adoro!
    ilaria

    http://ilpescevolante.blogspot.it/2012/06/ipocondria.html#links

    RispondiElimina
  11. Mi sono scompisciata dal ridere.
    Ma "frocio" davvero è una parola ancora in uso? Io non la sentivo dai tempi delle scuole medie...frequento poca gente.

    RispondiElimina