venerdì 11 gennaio 2013

Sogno di una mezza mattina d'inverno.

Dopo una mattina trascorsa a togliere (migliaia) di bollini dai libri per la fine della promozione “tutto a – 15%” , dopo aver messo i nuovi bollini per l'inizio di altre 4 promozioni, dopo aver servito i clienti, sistemato il ricarico e le novità, fatto il venduto e sistemate le vetrine decido che è giunto il momento di bere un Tè caldo. Sapete uno di quei momenti in cui già pregusti il Tè dolce e caldo che ti scende giù nel gargarozzo. Dai che conoscete la sensazione: quella che ti prende la mattina mentre sei al lavoro e magari pensi al dolce o al gelato che hai in frigorifero e tutto il giorno non fai altro che pensare a quello, neppure fosse un questione di vita o di morte, e ti affretti per la strada, in metropolitana, in bicicletta, in treno o in auto e quando arrivi a casa ti accorgi che qualcuno (figli, marito/moglie, amanti vari, gatto/a, cane) ha mangiato il tuo dolce e tu fai finta di niente con quell'aria da “Non importa!” e invece vorresti recidere a morsi la giugulare del/della furfante che si è pappato il tuo sogno. Ecco io l'espressione “Non importa” non la so fare e quando ho aperto il mobiletto del Tè e ho scoperto che lo zucchero era FINITO ho fatto un'espressione alla “L'Urlo” di Munch.
Ed ecco che, attratto dal mio urlo decisamente animalesco, si avvicina il perfido magazziniere che ha... ha... ha in mano una bustina di zucchero e me la dona!
Oh gioia! Oh gaudio!
Se solo tu, perfido magazziniere, fossi alto, muscoloso, biondo e con gli occhi azzurri, oppure, alto, moro e con gli occhi scuri, oppure alto biondo e con gli occhi verdi, oppure, alto, moro e con gli occhi chiari, oppure, non particolarmente alto ma con mani e piedi grandi, oppure, mani e piedi normali ma quello sguardo animalesco, oppure, alto e con un sedere sodo, oppure, atletico, sportivo, magro, non particolarmente magro, alto o basso, moro, castano, biondo o rosso, oppure alto e di colore, oppure, alto e asiatico, oppure non particolarmente alto e ispanico, oppure, di qualsiasi altezza sopra il 1, 70 e di qualsiasi razza e di qualsiasi colore di capelli e occhi, oppure...
va bé ma tanto non lo sei!

4 commenti:

  1. Fenomenale descrizione del perfido magazziniere: ti ho ribloggato

    RispondiElimina
  2. Troppo forte, sto ridendo da diversi minuti ormai!!

    RispondiElimina
  3. Sicuro che fosse zucchero? Dopotutto si tratta del PERFIDO magazziniere ... (ehi! suona bene: The Wicked Storeman of the West, come nel musical sul Mago di OZ!)

    RispondiElimina
  4. Marino Buzzi: Perfido Talento Sprecato ad Attacare Bollini invece che Bottoni.

    RispondiElimina