mercoledì 3 aprile 2013

Chi lo avrebbe mai detto?

Prima di un forte investimento editoriale le case editrici prendono accordi commerciali con le librerie e i distributori. È accaduto anche con i libri a 0,99: posizionamenti, rifornimenti, quantità, pubblicità e via discorrendo.
Ora questo post non è contro i libri a 0,99, ne abbiamo già discusso, li tiro in ballo per raccontare un altro episodio.
Quando abbiamo saputo della commercializzazione di questi libri, riproposta dei vecchi mille lire, io e le colleghe e i colleghi siamo rimasti un po' perplessi per un motivo in particolare: nei dodici titoli proposti 9 libri sono classici (alcuni titoli adottati a scuola). Possiamo discutere ore della qualità del libro, del valore, delle traduzioni, dell'operazione commerciale. Una cosa è certa i libri sono in versione integrale. Se posso comprare, in un periodo di crisi, Il sogno di Freud a 0,99 perché dovrei comprarlo a 8 euro?
Evidentemente ai piani alti avevano dato per scontato che questi libri sarebbero stati prodotti di vendita aggiuntivi. Si sono rivelati prodotti di vendita sostitutivi.
A un certo punto, pare stupendosi, si sono resi conto che il prodotto a 0,99... momento di suspense... abbassa il valore dello scontrino medio!
No, dico, vi rendete conto?
Chi l'avrebbe mai detto!
Così, appresa questa scioccante notizia, noi perfidi librai ci siamo scambiati uno sguardo che non ha bisogno di parole, un sorriso e non ci siamo risparmiati una battuta sarcastica sulla genialità di supportare e dare risalto a tali operazioni da parte delle librerie di catena.
Propongo un corso di laurea in “Cosanonerachiaroesattamenteologia” e una in “madai!eologia”.

8 commenti:

  1. gentile signore, la sua prosa limpida mi infiamma ogni volta...
    le auguro una buona giornata e mi iscriverò presto al corso di Cosanonerachiaroesattamenteologia

    Nicoletta

    RispondiElimina
  2. Il marketing strategico non è una scienza esatta. Alla fine degli anni 40 una società americana, la Univac, aveva costruito il primo elaboratore a valvole. Occupava un mezzo capannone, e faceva poche semplici operazioni, ma era programmabile.

    Fecero un'analisi di mercato, e stabilirono che a regime ne sarebbero bastati 4 o 5 in tutto il mondo per soddisfare le esigenze di elaborazione dati del pianeta. Quindi decisero che non ne valeva la pena. IBM rilevò il progetto....

    Ecco, spesso nel fare le proiezioni si assumono ipotesi farlocche. Nel tuo caso, che il nuovo elemento (libro a 0,99) avrebbe generato nuovo business, e non trasformato quello esistente....

    Il mio professore di matematica del liceo, diceva (urlava...) "bun sens!", ossia, buon senso, perfino nella matematica!

    RispondiElimina
  3. ai piani alti avevano dato per scontato che questi libri sarebbero stati prodotti di vendita aggiuntivi. Si sono rivelati prodotti di vendita sostitutivi.
    A un certo punto, pare stupendosi, si sono resi conto che il prodotto a 0,99... momento di suspense... abbassa il valore dello scontrino medio!
    No, dico, vi rendete conto?
    Chi l'avrebbe mai detto!


    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!
    Mitici! XD
    Proporrei anche un corso in Nonciavevipensatologia, guarda!

    Sai qual è la vera tristezza? Che anche quando la loro insipienza insistita manderà a pu**ane l'intera azienda (e probabilmente l'intero sistema), questi geniali signori se la caveranno con buonuscite stellari, e il cerino in mano resterà a qualcun altro... :-\

    (Ma, ai tempi, i 100pag1000lire e compagnia andavano in libreria o solo in edicola, che non ricordo?)

    minty

    RispondiElimina
  4. A parte l'idea del madai!eologia cui m'iscrivo immediatamente, cosa han deciso di fare ai piani alti? Bandire gli 0virgola?

    RispondiElimina
  5. Uguale uguale anche da noi, profondo sud, effe rossa. Non ho seguito bene la vicenda perché sono in maternità, non ho i dati esatti, ma insomma, non c'è bisogno, siamo lì.

    RispondiElimina
  6. questo tuo post mi ha fatto ritornare una quarantina di anni fa, quando la mia unica fonte di acquisti da povero studentello erano i volumetti bianchi, bruttini e sempre nascosti in qualche parte oscura delle librerie della BUR....testi ancora oggi spesso introvabili....Questi di cui parli sono qualcosa di simile?

    RispondiElimina
  7. Ma perchè stampare questi libri, non possono venderli solo con gli e-book, e magari stampare dei testi introvabili, magari a 90 euro, testi alchemici, grimori, ricettari medioevali integri, stampe anastatiche con rilegature industriali, gli appassionati (io) li comprerebbero, con la vendita di uno sai quante 0,99 tiri su e quanta carta risparmi! Gli studenti sanno usare il pc e scaricarsi i tristi e-book, io preferisco il vil cartaceo, certo se fosse pergamena......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sono libri che non si possono vendere come ebook: infatti, si tratta di solito di opere di pubblico dominio, i cui diritti sono scaduti, perciò chiunque può mettere online l'ebook gratis e legalmente.

      Quindi perchè qualcuno dovrebbe mai comprare un ebook che può scaricarsi gratis da siti come liberliber? (Se noti, una buona parte dei "100 pagine 1000 lire" sono disponibili lì)

      Elimina