martedì 7 maggio 2013

Cose che accadono in libreria



Ragazzi che entrano con il sacchetto del McDonald’s, si sdraiano (letteralmente parlando) sui divanetti e apparecchiano i libri che hanno davanti appoggiandoci sopra bibite e panini e quando ti avvicini e gli dici: “Ragazzi scusate ma non siamo al ristorante, potete togliere il cibo da sopra i libri?” loro ti rispondono: “Nemmeno fossimo in chiesa!”.
In chiesa no ma se non togli subito quell’orribile panino da sopra il libro di Wiesel potresti finire al campo santo…

9 commenti:

  1. Senza generalizzare, forse i cafoni andrebbero trattati come tali: un ceffone subito (loro sanno perché) e dopo un energico invito a togliere il disturbo. Non prima di aver pagato i libri eventualmente danneggiati dalle loro pietanze. Ma senza urlare, con molta naturalezza. E se i genitori degli angioletti protestassero, si presenterebbe il conto direttamente a loro. Tenuto conto poi che certa gente si comporta male pure in chiesa, è fiato sprecato tentare di spiegare loro come mai non hanno il diritto di fare i propri porci comodi ovunque gli garbi. Li si rispedisce dunque da McDonald's e basta, senza sprecarci altro tempo. Tanto dei libri non gliene può fregà de meno, giusto? Quindi: andersen!

    RispondiElimina
  2. Risultato di decenni di educazione 'buonista' e 'moderna'. Il concetto di rispetto e di osservare buone norme di comportamento nei confronti del prossimo è ormai desueto. E se provi a far notare a qualcuno che sta sbagliando, gli insulti (se non peggio) rischi di prenderli tu.
    Le leggi impediscono il ceffone (anche se certe volte le mani prudono proprio), però fargli pagare i libri sporcati e, se minorenni, contattare i genitori (o farlo fare a un vigile/poliziotto) sì, ci stava tutto.
    Pessimismo e fastidio.

    minty

    RispondiElimina
  3. Ma davvero esistono questi atteggiamenti?
    Io vivo in una grande città (Roma), ma finora per quanti atti di inciviltà possano succedere non ho mai visto una cosa del genere, probabilmente perche per i tamarelli delle mie parti le librerie ed i libri hanno lo stesso effetto di entrare in chiesa o mangiare una pizza all'aglio per i vampiri.

    RispondiElimina
  4. Madonna, da riformare a ceffoni.

    RispondiElimina
  5. Pragmatismo: pagare, pagare, pagare!!!

    RispondiElimina
  6. Certo che siamo caduti in basso.
    Io la sgridata peggiore che ho preso quando ero un giovane bimbo pacioccone è stata quando ho imbrattato un libro con le mani (il libro era mio e neppure mi piaceva molto) presi una girata da mia madre chemi urlò dietro che i libri sono sacri...........oddio forse è per quello che da quando ho 6 anni non ho mai buttato un libro e a breve dovrò uscire io dalla camera per farci stare i libri????

    Mauro

    RispondiElimina
  7. Da non credere...Il tuo blog è bellissimo. Ora sono tra i tuoi lettori fissi, ti leggo con piacere. Passa a trovarmi se vuoi...;-)

    RispondiElimina