giovedì 19 settembre 2013

Non ho tempo da perdere!

Signora che si avvicina alla mia postazione e, con fare estremamente maleducato e il tono di voce alto, comincia:
“Ma tutta quella gente in fila è per la scolastica?”
“Sì, Signora.”
“Io non ho proprio tempo da perdere, mi guardi se ci sono questi libri!”
E mi mette in mano una lista di libri scolastici.
“Signora se vuole può lasciare, con un acconto, la lista al settore scuola. I colleghi la richiameranno appena l'avranno controllata.”
“Io non lascio nessun acconto, mi guardi se ha questi libri!”
“Signora non funziona così, c'è una fila da rispettare e i libri di scuola non sono consultabili a computer.”
“Io lavoro, sa? Non ho mica tempo da perdere!”
E se ne va (dopo avermi strappato la lista dei libri di scuola dalle mani).
Ora, giusto qualche considerazione. La prima è che le persone non si aggrediscono, per nessun motiv. La seconda è che se non hai tempo da perdere puoi far venire tuo/a figlio/a che sicuramente ha più tempo di te. La terza in realtà è una domanda: dal momento che ci tieni tanto a farmi sapere che tu lavori e non hai tempo da perdere... secondo te io che ci faccio qui? Non sto lavorando forse? Dovrei, non si sa bene in base a quale tuo diritto divino, passare davanti a tutta la gente che sta aspettando, diligentemente in fila, il proprio turno solo perché tu non vuoi aspettare?
Voglio emigrare su Marte!

8 commenti:

  1. l'acquisto dei libri scolastici tira fuori il peggio dell'uomo :-)
    Ieri, mentre ero diligentemente in fila, ho visto una signora che aveva solo gli ISBN dei libri e voleva acquistarli così :-)
    Poveri noi
    Lucia

    RispondiElimina
  2. Io su Marte manderei quell'imbecille..

    RispondiElimina
  3. Ma come fai a trattenerti dal dirle che è una cafona scortese?

    RispondiElimina
  4. Perché, gli altri in coda erano tutti dei poveri disoccupati/sfaccendati?
    Vabbè, che dire? Purtroppo il mondo è pieno di cafoni che si credono meglio e più degli altri :-\

    minty

    RispondiElimina
  5. In effetti, aggiungerei il nome di questa signora (che lavora, eh, mi raccomando!) alla lista dei passeggeri del prossimo volo per Marte. La metterei in business class; se la merita tutta, no? :-D

    RispondiElimina
  6. Io oggi ho dovuto assistere a una coppia il cui marito continuava a insultare la moglie perché sceglieva libri troppo leggeri *O*
    GRAUR.
    Comunque questa tizia ha vinto il premio Cliente Culo dell'anno ò_ò

    RispondiElimina
  7. Questa gente l'abbiamo vista nascere e l'abbiamo fatta crescere, chissà se si estinguerà un giorno.

    RispondiElimina
  8. Caro Marino, capisco che tu hai più pazienza di me e ovviamente trattandosi di lavoro devi ingoiare ancora di più e trattenerti, ma personalmente io alla gentile signora in questione avrei dolcemente risposto: "Se avere figli le drena tanto questa sua vita già così piena, dal lavoro e dai suoi impegni incredibili, da esser quasi rapita a se stessa e non avere tempo nemmeno per le funzioni fisiologiche elementari, poteva pensarci un po' di più, quella dozzina d'anni fa circa, e tenere più serrate le cosce invece di riprodursi". (Un saluto, Dorimant)

    RispondiElimina