venerdì 25 ottobre 2013

Ode ai bravi clienti

Molte/i di voi mi hanno fatto notare la mancanza di “episodi” riguardanti clienti educati e gentili. Non basterebbero, probabilmente, tutti i blog del mondo per parlare delle “belle” persone che vengono in libreria. Racconto i casi “estremi” o “umani” perché sono quelli che mi colpiscono di più ma anche perché riesco a fare ironia più facilmente. Quindi voglio chiudere la settimana con una carrellata di buoni sentimenti, vi parlerò dei “bravi clienti”, preparate i fazzoletti e se siete diabetici non andate oltre.
Bene finito, grazie e buon W.E!
Vi ho mai detto che sono bastardo dentro?

11 commenti:

  1. no, ma adesso ci siamo arrivati da soli :-D!

    RispondiElimina
  2. non ti scrivo "bastardo!" giusto per non darti la soddisfazione :D

    RispondiElimina
  3. Uhm. Me ne sta venendo il sospetto. :-)

    RispondiElimina
  4. Più che altro, se fossi un tuo cliente 'bravo', dopo sto post mi sentirei un po' offeso :P

    minty

    RispondiElimina
  5. E pensare che io mi ritenevo una brava cliente delle librerie.................
    Forse dovrò andare ad acquistare nei supermercati ;-))

    RispondiElimina
  6. ti ho mai detto che ho scoperto che si possono comprare le novità editoriali con il 30% (trentapercento) di sconto ? :-)

    RispondiElimina
  7. Ti manderò una mia foto mentre compro un libro della Newton Compton. Tie'.

    RispondiElimina
  8. Cioè, tipo che hai paura che ci viene tipo un attacco di iperglicemia se leggiamo dei clienti tipo gentili e normali... cioè tipo lo fai per il nostro bene... buon weekend pieno di tipi!!! Carla

    RispondiElimina
  9. E io chi mi aspettavo veramente un'ode ai bravi clienti... povera me! =P
    Io però apprezzo i tuoi post sui clienti "che adori": faccio caso a non fare le stesse cose, quando vado in libreria ;)

    RispondiElimina
  10. Chiunque abbia a che fare con la feccia italica, prima o poi, diventa bastardo dentro...

    RispondiElimina