venerdì 22 novembre 2013

Non in mio nome!

Ve lo chiedo dal profondo del cuore, leggete QUI e, se siete d'accordo, diffondete sulle vostre pagine facebook o sui vostri blog. Mi ritrovo, mio malgrado, citato da Giovanardi in un articolo contro l'omogenitorialità. Spiego tutto sull'altro blog. Perdonatemi se oggi parlo di questo ma non permetterò a nessuno di usare strumentalmente la mia voce contro le sorelle e i fratelli omosessuali.
Marino Buzzi

6 commenti:

  1. Cristo. Essere citati da Giovanardi dev'essere un'esperienza orribile.

    RispondiElimina
  2. Perdonami se non vado e leggere l'articolo di Giovanardi, ma certe forme di pornografia sono troppo pesanti anche per me

    RispondiElimina
  3. Calma, Marino, respiro, zen! Giovanardi non c'è bisogno di commentarlo. Si squalifica da solo, tranquillo. Come si possa usare il tuo pezzo contro l'omogenitorialità non si capisce, anche se si capisce che ti dia enormemente fastidio.

    I tuoi dubbi di allora sull'utero in affitto (cioè sulla mercificazione di un legame umano, non voglio aggiungere di una vita perché la parola è troppo abusata dal campo cattolico), nonché le tue domande finali, io oggi però le trovo ancora valide. Omo o eterogenitorialità che sia, ovviamente.

    RispondiElimina
  4. Ho copiato il link del tuo post nella mia bacheca FB: non c'è nulla di più brutto che veder usate e traqvisate le proprie parole. Da uno così, poi.
    Monica

    RispondiElimina
  5. Purtroppo questo ti fa capire come su certi argomenti (e questo é uno di quelli) sia NECESSARIO assumere posizioni manichee: o tutto da una parte, o tutto dall'altra. Ogni posizione intermedia, per quanto forse maggiormente legittima e intelligente e equilibrata, rischia di venire inesorabilmente assorbita da uno dei due estremi... e potrebbe non essere, come in questo caso, l'estremo collocato dalla parte che vorresti tu.

    RispondiElimina