lunedì 27 gennaio 2014

27 gennaio. Giornata della memoria

Qualche parola sul giorno della memoria.
La memoria va costruita, tutelata, protetta, ricordata ogni giorno. Attraverso la cultura, attraverso la tradizione orale e scritta, attraverso il passaggio di consegne da una generazione all'altra.
Sappiamo tutte/i che non è così. Gli orrori più sono lontani più sembrano appartenere solo agli altri.
E la storia tende a ripetersi, magari in modi, tempi, luoghi diversi.
Ma tende a ripetersi.
Il giorno della memoria perde di significato se è solo un'occasione istituzionale, qualcosa che si deve fare per etichetta, qualcosa che non si comprende durante tutto l'anno.
Questo non deve accadere.
Lo dobbiamo ai milioni di morti che pesano sulla coscienza della storia.
Lo dobbiamo alle donne, agli uomini, alle bambine e ai bambini. Al popolo ebraico, alle persone omosessuali, alle/ai dissidenti politici, ai Rom e ai Sinti, alle portatrici e ai portatori di handicap, alle/ai testimoni di Geova, alle/agli “asociali”. Lo dobbiamo a qelle persone, a quei numeri, a quei triangoli e a quelle stelle.
Perché la memoria non si spenga mai.
Vorrei proporvi qualche titolo perché per me letteratura è anche ricordo, si tratta di una proposta del tutto parziale. Prediligo libri che non siano morbosi ma che inducano a una riflessione o che portino a conoscenza di avvenimenti poco conosciuti ( come nel libro Il popolo che disse no, ammetto che non conoscevo questa parte della storia).

Elena Loewenthal
Contro il giorno della memoria
93 p 10 €
ADD Editore


Elie Wiesel
La notte
trad. Vogelmann
112 p 10€
La Giuntina

Il diario di Dawid Sierakowiak.
Curatore Adelson, Sessi
Trad. Guastalla
317 p 12,50 €
Einaudi

Steinbacher Sybille
Auschwitz
Trad Gandini
166 p 8,50 €
Einaudi

Donatella Di Cesare
Se Auschwitz è nulla
125 p 8 €
Il Nuovo melangolo

Bendavid-Val Avrom
I cieli sono vuoti
Trad. Matizen
206 p 18,50 €
Guanda

Hannah Arendt
La banalità del male
Trad. Bernardini
320 p 9,50 €
Feltrinelli

Massimo Consoli
Homocaust
280pp., 20,60 €
Kaos edizioni

Primo Levi
Se questo è un uomo
209 p 10,50 €
Einaudi

Giorgio Giannini
Vittime dimenticate. Lo sterminio dei disabili, 
dei rom, degli omosessuali e dei testimoni di geova.
117 p. 14 €
Nuovi Equilibri

Bo Lidegaard
Il popolo che disse no
Trad. Maugeri
341 p. 28 €
Garzanti




3 commenti:

  1. Grazie Marino, conoscevo solo la prima metà della storia del popolo che disse no (il re che esce con la stella di David a spasso per la città ecc.), ma ignoravo l'organizzazione dell'evacuazione dei propri concittadini in pericolo.
    E questo a dimostrazione che si poteva resistere senza necessariamente morire. Anche se verosimilmente qualcosa con l'occupante sarà stata pure concordata, 7000 persone non svaniscono nel nulla.

    RispondiElimina
  2. Grazie per la segnalazione! Ogni anno a gennaio me ne leggo almeno un paio in tema!
    Se posso segnalo anche "Max ed Helen" Di Simon Wiesenthal... piace di averti incontrato

    RispondiElimina
  3. Aggiungerei a tutti gli oppressi vittime della voglia di supremazia dell'uomo.

    RispondiElimina