martedì 21 gennaio 2014

Categorie di ladri

Grazie al recente inventario mi sono divertito a ricostruire i vari profili dei ladri di libri che frequentano la nostra libreria:

Studente: i titoli scomparsi sono tutti testi richiesti a scuola o all'università, non esiste una sola tipologia, maschio o femmina, comunque si tratta di ragazze/i che studiano.

Collezionista: impressionante la quantità di libri pregiati che scompaiono. Sono sicuro che il nostro ladro collezionista è qualcuno che viene tutti i giorni, che tiene un profilo basso, probabilmente una persona distinta e gentile, forse ha persino instaurato con noi un rapporto di intimità per distogliere l'attenzione. Fra i bersagli preferiti Adelphi, Bollati Boringhieri, Astrolabio/Ubaldini. Ruba testi di filosofia, psicologia, filosofie orientali. Passa molto tempo in libreria e si documenta prima sui libri che gli interessano.

Storico: ruba solo libri di storia, in particolare quelli relativi alla prima e alla seconda guerra mondiale.

Appassionato d'Arte: si è fregato un sacco di cataloghi: Silvana editrice, Motta, Taschen e molto altro. Predilige i libri illustrati.

Ladri che amano farsi servire: anche i ladri sono diventati esigenti, scorrendo i titoli che mancano nell'inventario mi sono reso conto che si tratta di testi che mi sono stati espressamente richiesti, li ho cercati a parete e li ho messi in mano alla o al cliente.
Del resto anche i ladri evolvono e amano le cose facili.

6 commenti:

  1. Ladri di cultura, o la cultura del furto?
    Tempo fa ti dissi sul social che in fondo si può giustificare il gesto di chi cerca cultura, ma nella stessa discussione venne fuori che no, non si può mai giustificare il furto. Confermo la seconda parte, perché se da un lato si cerca di soddisfare il bisogno di cultura, dall'altro si sta privando del bisogno di denaro la libreria. Una guerra tra poveri che vince comunque sempre il più "furbo". E il più disonesto.

    RispondiElimina
  2. i testi pregiati e i cataloghi li rubano per rivenderli sulle bancarelle... :(

    RispondiElimina
  3. Ma non c'avete l'antitaccheggio?

    RispondiElimina
  4. i ladri di libri proprio non li comprendo...
    cioè ma esistono le biblioteche, no?!

    RispondiElimina
  5. Ma come si fa a rubare i libri con quell'affarino che suona? Che fanno, li avvolgono nella carta d'alluminio?

    RispondiElimina
  6. Ormai non si vuole sbattere più nessuno nemmeno i ladri...

    RispondiElimina