venerdì 28 febbraio 2014

Collega che vai... risposta che trovi!

“Scusa posso sapere quanto tempo ci vorrà per avere questo libro che ho prenotato?”
“Si tratta di un libro di scuola, dobbiamo chiedere al mio collega.”
“Ah no al tuo collega ho già chiesto.”
“E cosa ti ha risposto?”
“Quattro giorni all'incirca.”
“...”
“Pensavo che magari tu mi davi una risposta diversa.”
Guarda la risposta vorrei dartela ma non riguarda il libro però...

Oggi qualche riflessione anche QUI

3 commenti:

  1. Niente risposta. Son quei momenti in cui le parole non servono.
    Schiaffoni, piuttosto...

    RispondiElimina
  2. Schiaffoni? Nooo, i librai sono gentili e io ne ho la prova. 20 giorni fa ho comprato un libro della sellerio e non l'ho letto subito, l'ho messo sulla pila libri da leggere. Naturalmente ho buttato la bolletta. Una settimana fa ho aperto il libro e mi sono accorta che mancavano le prime 33 pagine. Puff, svanite. Addolorata e senza molte speranze sono andata nella libreria dove lo avevo comprato, ho mostrato il libro e ho spiegato. Mi hanno sorriso, hanno detto strano, la sellerio è precisa, e mi hanno cambiato il libro. Senza bolletta. Dopo 20 giorni.
    Ho guardato il libro, ho esclamato: qui ci sono tutte le pagine! Ho fatto un sorriso raggiante. Le due libraie mi hanno sorriso di rimando e una delle due ha detto all'altra: guarda come è felice! Ed è proprio così, sono stata felice, perché eravamo tutti gentili gli uni con gli altri, perché avevo il mio libro, che desideravo leggere, perché non avevo sprecato 12 euro.
    Non sono grandi i librai?

    RispondiElimina