lunedì 25 agosto 2014

Il cliente ha sempre ragione... parte prima



Si avvicina un signore.
“Buongiorno, circa sei mesi fa ho visto un libro che mi interessava in questa libreria.”
“Ricorda il titolo?”
“No.”
“L’autore?”
“No.”
“…”
“Era qui in questa posizione!”
E mi indica il settore di attualità e politica.
“Può darmi qualche indicazione in più?”
“Era un libro di narrativa, una storia Thriller.”
“Mi perdoni questo è il settore di saggistica, non ho romanzi qui, li trova al piano di sopra.”
“No, no era qui.”
“Se era un romanzo non era in quel settore.”
“Le dico che era qui.”
“Bene, può darmi qualche indicazione in più sul romanzo?”
“Se lei mette a computer le parole: romanzo thriller le esce di sicuro!”
Attenzione care lettrici e cari lettori di CDL, questo è un appello.
Uccidetemi.
Tagliatemi a fettine, strappatemi il cuore, mettetemi il cianuro nel caffè.
Insomma, fate qualcosa!

6 commenti:

  1. potresti sostituire il computer con una sfera di cristallo

    RispondiElimina
  2. A prescindere dal fatto di dove fosse il libro, se lo interessava ma non ricorda nulla, mi viene il dubbio che:
    1) ci fosse una copertina splendida (o solo tanto infarcita di "carne al sole" da far invidia a certe riviste e ai loro paginoni centrali);
    2) lo avesse letto quasi tutto ma gli mancava di leggere il finale... solo che accorgersene dopo 6 mesi...

    RispondiElimina
  3. Se ti può consolare capita anche in biblioteca... oltre ai pezzi di carta di ogni provenienza (ancora non ho visto carta igienica, ma credo sia casuale) con scritto la qualunque, indicazioni scritte al volo mentre parlavano in tv, e quindi incomplete, nella migliore delle ipotesi.
    Ogni volta è una caccia al tesoro tra i titoli possibili ed impossibili.
    Porta pazienza.
    Chiara

    RispondiElimina
  4. Se lei mette a computer le parole: romanzo thriller le esce di sicuro

    E tu dovevi mettere a computer "romanzo" e "thriller", poi girare lo schermo verso di lui con l'elenco dei risultati e dirgli "Prego, veda lei qual è quello che cerca" ;P

    RispondiElimina
  5. Ecco, mettiamola così. Doveva essere davvero interessato a leggerlo... tanta passione commuove. :-)

    RispondiElimina
  6. Mi chiedo: ma fare la faccia molto convinta e dargli un libro a caso, magari uno di Faletti, spergiurando che è proprio quello, pensi possa funzionare? No, perché se non ricorda nulla, un libro a caso va bene. Se invece ricorda forse il titolo salta fuori.

    RispondiElimina