venerdì 14 novembre 2014

Il tipo che non esiste



Si avvicina un ragazzino, i pod a tutto volume.
“Ciao ce l’hai un libro, come si chiama, un libro per la scuola.”
“Un libro scolastico?”
“No, cioè me lo hanno dato da leggere a scuola.”
“Mi dici il titolo?”
“Il titolo non me lo ricordo, ma è la storia, dai del tipo che non esiste.”
“Tipo che non esiste la storia o tipo che non esiste il tipo che racconta la storia?”
“No è la storia di questo tizio che non esiste.”
“Cioè è la storia di un tizio che non esiste o è lo scrittore che non esiste?”
Sguardo perso.
“Il cavaliere inesistente? Italo Calvino?”
“Eh sì, quello.”
Ah, quello, tipo lo avevo intuito….

12 commenti:

  1. Accaduto davvero ieri da Feltrinelli: "Scusi, per caso è uscito qualcosa di Suskind?" la commessa mi guarda e annuncia: "Ma Suskind è morto!". Io resto di sasso: "Morto?!" al mio stupore misto a incredulo cruccio, guarda la collega chiedendo conferma "E' morto Suskind , vero?" e la collega: "E si eh".
    Mi allontano mogio, esco e smanetto sullo smartphone. Suskind se ne sta in Guatemala e non vuole rotte le palle ma respira e campa alla grande col copyright de Il profumo.
    Torno dentro e vado dalla commessa "Guardi forse potrà non interessarla, ma Suskind è ancora vivo!"
    Sorriso di circostanza e un vago sotto testo percepibile nei suoi occhi
    "Be', 'sti cazzi, tanto manco con noi pubblicava... "

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Suskind nel 2014 solo ristampe, pare.

      Elimina
    2. Sempre più spesso capita che il sotto testo di chiunque abbia a che fare con il pubblico sia "Ma che viene a dirmi questo ma che pensa che m'importi, ma perché si prende tanta fatica su 'ste cazzate, ma a che serve, ma che vuole, perché non sta zitto e mi lascia in pace?". Il tutto con il sorrisetto televisivo e maleducato d'ordinanza.
      Mica in libreria, ovunque.

      Elimina
    3. eh ma era una commessa mica una libraia

      Elimina
    4. Secondo me una commessa di libreria non può essere come una commessa di jeanseria. E perché, la pagano forse di più? No, ma non credo che la jeanserista legga i jeans. ;)

      Elimina
  2. Il ragazzino che età poteva avere? Tra quanti anni vota?
    No, così, giusto per dire. Poi ci lamentiamo che il Paese è in crisi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mi lamenterei del fatto che questo personaggio ha dei genitori... e ha avuto presumibilmente dei maestri...

      Elimina
  3. Panico, ma seriamente panico! Meno male che tu ormai sei un genio e intuisci anche ciò che richiederebbe un "Ripassa quando cresci e sviluppi un cervello!"!

    RispondiElimina
  4. Questi ultimi due post fanno veramente un capolavoro! Anche di intuizione, oltretutto.

    RispondiElimina
  5. Ahahahahah!
    Avevo indovinato, dai!

    Dovrebbero girare con un patentino e dichiarsi all'entrata come cervelli inesistenti :)

    RispondiElimina
  6. Io avrei detto "Il libro invisibile" di Dovlatov :)

    RispondiElimina
  7. Questa era facile, sei stata fortunata.

    RispondiElimina