venerdì 5 giugno 2015

Lo sconto sullo sconto

Nel nuovo punto vendita la grande novità è che fuori dalla libreria sono posti dei “cesti” (in realtà banchetti in ferro) che contengono libri a 2, 3 o 5 euro. Si tratta di libri in ottime condizioni (nella maggior parte dei casi9, testi finiti fuori catalogo, usati di qualità, libri nuovi che magari hanno cambiato collana o edizione.
Entra un signore con un libro a 2 euro, lo prendo e lo batto in cassa, si tratta di un libro cartonato nuovo, un romanzo di tre o quattro anni fa.
Lui: “Ah mi fa un po' di sconto, vero?”
Io lo guardo con uno sguardo in stile: “Che cavolo stai dicendo Willy?”
“Mi perdoni il libro costa due euro...”
“E allora?”
“E allora non facciamo ulteriori sconti su questo genere di libri.”
Lui prende il libro: “Poi non vi lamentate se non vendete libri!” dice prima di andarsene.
Facciamo che i libri li regaliamo, eh? Tanto non vedo perché si dovrebbero pagare! E poi lo sanno tutti che noi librai campiamo solo di letteratura.

3 commenti:

  1. Appena li regalate vengo. Universo parallelo, giusto? Accanto piazza delle Note a Margine? ;)

    RispondiElimina
  2. Ce l'avete una persona fissa a controllare i banchetti? Prima che qualche cliente decida autonomamente di farsi lo sconto totale e portarli via.
    Monica

    RispondiElimina
  3. ma dar loro l'indirizzo della biblioteca, no?

    RispondiElimina